Risorse – Ordinari stanziamenti di bilancio per lo sviluppo del sistema informativo MIUR

Strumenti – Piano ICT e avvisi pubblici

Tempi di prima attuazione – a.s. 2015/16

Obiettivi misurabili – copertura del numero di studenti raggiunti dallo strumento; quantità e qualità dei servizi associati al profilo digitale dello studente.

Il MIUR ha già iniziato a sperimentare la possibilità di riconoscere lo status di studente attraverso uno strumento ufficiale: la Carta dello Studente “IoStudio”.

Fin dalla sua nascita, la Carta ha rappresentato un importante veicolo di conversazione tra il MIUR e gli studenti della scuola di secondo grado. Già utilizzata da 2.7 milioni di studenti (e distribuita ad 8 milioni di studenti sin dalla sua nascita), la Carta è associata a un fascio di agevolazioni e servizi (dai trasporti al consumo culturale, per un totale di 47.000 convenzioni attive), e un protocollo ad adesione aperto a numerose fondazioni, enti e imprese.

La Carta dello Studente è stata finora attribuita nella forma di tessera nominativa a cui si sono associati un profilo digitale, attivo previa registrazione dello studente, e un borsellino elettronico, opzionale, generato a richiesta dello studente o da chi per lui ne esprimere validamente il consenso.

Fino all’anno scolastico 2014/15 la Carta dello Studente è stata attribuita a tutti gli studenti che si sono iscritti al primo anno dei percorsi di istruzione secondaria.

La “La Buona Scuola” (legge n. 107/2015) ha codificato la necessità di dotare gli studenti di un profilo digitale, trasformando quella che fino ad ora era un’opportunità per gli studenti in un diritto.

Con “La Buona Scuola” al profilo digitale dello studente è associato anche il curriculum delle esperienze formative maturate durante il percorso scolastico. L’attribuzione della Carta a tutti gli Studenti è formalizzata attraverso un Decreto del Ministro, elaborato in collaborazione con il Garante per la Privacy, in cui sono formalizzate le modalità di gestione e distribuzione delle tessere e della gestione dei relativi dati: in base a questo processo, mediante la lettura dei dati dell’Anagrafe unica degli studenti, dall’anno scolastico 2015/16 lo status di tutti gli studenti (delle scuole di secondo grado) sarà attestato dalla Carta attraverso un apposito procedimento.

Un passo successivo è stato compiuto dalla legge n. 107 del 2015 (“La Buona Scuola”) con cui si è provveduto ad istituzionalizzare il profilo digitale dello studente, a cui associare anche un curriculum delle esperienze effettuate durante il percorso didattico.

La strategia di associare un profilo digitale ad ogni studente passa da un rafforzamento dei servizi della Carta dello studente, che sarà associata a due meccanismi fondamentali:

  • politiche per il diritto allo studio, e quindi finanziamenti dedicati a studenti meritevoli e/o provenienti dalle condizioni più svantaggiate;
  • il curriculum digitale dello studente, ovvero un modo per certificare e valorizzare le competenze, formali e informali, che gli studenti acquisiscono durante gli anni della scuola, in orario scolastico ed extra-scolastico, anche individualmente.

 

Torna a tutte le azioni