Letto: 21313 volte

Come configurare un Laboratorio

Schookit prodotto da: Miur

In un tweet: Un #schoolkit per aiutare a progettare e realizzare un laboratorio scolastico #scuoladigitale #pnsd @miursocial

schoolkit

Azione #4 – Ambienti per la didattica digitale integrata

29 aprile, 2016

Introduzione

Destinatari: Docenti, DS, DSGA, Personale ATA, Studenti

A cura del MIUR

Tipologia di scuola a cui è diretto: tutte le scuole di ogni ordine e grado

Descrizione

È dimostrato che i laboratori portano a risultati performanti nella didattica quando favoriscono la collaborazione e l’interazione tra studenti. Per raggiungere questo obiettivo, i laboratori devono trasmettere un senso di creatività e di apertura. Ci sono tre aspetti fondamentali da considerare sin dall’inizio per la realizzazione di un laboratorio funzionante:

  • Configurazione
  • Arredi
  • Connettività
  • Tecnologie Digitali

Network e partnership (max 50 parole): Come e quali soggetti interni alla scuola o esterni puoi coinvolgere per svolgere questa attività?

Come procedere
1Scegli la configurazione giusta.
conf1La configurazione degli arredi dipende dalla metodologia didattica che si intende applicare. Non esiste uno standard applicabile a qualsiasi contesto. È importante scegliere e disporre gli arredi considerando le attività previste. Alcune attività richiedono interazione, flessibilità e collaborazione. In altri casi, invece, gli spazi devono favorire la massima attenzione e concentrazione. Oltre all’ergonomia e alla durevolezza, ci sono comunque caratteristiche da considerare preferibili per qualsiasi tipo di laboratorio: adattabilità, flessibilità e mobilità. Sfruttando tavoli modulari e arredi mobili, aumentano le possibilità di configurazione dello spazio consentendo lo svolgimento di attività diverse. Per attività di progettazione, gli studenti devono poter avere la possibilità di lavorare in gruppi, in genere composti da 4 a 8 studenti, e dovrebbero poter interagire intorno tavoli disposti a isole, o penisole.
2Adatta gli arredi in base alla disposizione di computer e di connessioni.
Laboratori con computer fissi sono ovviamente più vincolati dall’impianto di distribuzione delle connessioni. Disposizioni a penisola e lungo le pareti perimetrali sono le più comuni e le più pratiche per la distribuzione degli impianti. È fondamentale trovare la disposizione più adatta per consentire all’insegnante di muoversi velocemente tra i tavoli e poter tenere facilmente a vista gli schermi sui quali gli studenti lavorano. Una soluzione non troppo costosa potrebbe prevedere postazioni con doppio schermo, uno dei quali orientabile verso l’insegnante. Nel caso in cui si dispone di dispositivi portatili, pc e tablet, è preferibile adottare sistemi di arredi che permettono le configurazioni flessibili descritte prima.
3Per laboratori con attività miste configura uno spazio flessibile.
fablabPer laboratori come FabLab e Robotic Lab, dove sono previste attività miste sia al computer, sia pratiche e manuali, e dove possono essere presenti macchine anche di grandi dimensioni, è importante trovare una configurazione di arredi mista il più flessibile possibile. Lo spazio potrebbe essere suddiviso in aree con alcuni arredi fissi dove è più facile connettersi alle reti, alcuni mobili e riconfigurabili, e carrelli per attrezzature e macchinari.
4Scegli arredi e tavoli adeguati.
att-gruppo2I tavoli di lavoro preferibili devono poter consentire flessibilità e movimento. Tavoli a forma triangolare, o a fetta di torta, ad esempio, possono essere raggruppati in composizioni circolari, perfette per attività di condivisione ma, all’occorrenza possono essere separati per esercizi individuali. I tavoli con le ruote sono comodi per continue variazioni di configurazione degli spazi. Anche a livello di percezione, tavoli con ruote comunicano e stimolano flessibilità, cambiamento, creatività. Essendo più soggetti a vibrazioni soprattutto se forniti di ruote e freni poco efficienti, sono meno adatti per attività pratiche, soprattutto di precisione, come disegnare e costruire. Un buon compromesso può essere costituito da tavoli con ruote solo su due gambe. Esistono ottime soluzioni di tavoli facilmente pieghevoli e impilabili. Sono molto utili per laboratori dove si prevede di svolgere anche attività che non richiedono piani di lavoro o che necessitano di spazi ampi liberi da ostacoli. Per attività dinamiche sono da preferire sedie con ruote. Soni disponibili nel mercato interessanti soluzioni di sedie a rotelle con cesti e ganci utili per spostarsi facilmente anche con zaini e giacche.
5I contenitori son arredi da non sottovalutare.
cassettiereEsistono nel mercato soluzioni anche molto economiche di contenitori con ruote, come carrelli e cassettiere, prodotti ad-hoc, o adattabili per creare laboratori mobili. Si possono così organizzare attività laboratoriali anche nelle aule e negli spazi comuni. Carrelli per il trasporto di computer e tablet dotati anche di piattaforma per la ricarica delle batterie. Contenitori mobili per il trasporto di kit didattici. Carrelli attrezzati per il trasporto di macchinari come le stampanti 3d. Si possono creare anche carrelli fai da te, semplici o complessi, per contenere e trasportare dispositivi e attrezzature.
6Prima di completare il progetto, verifica la disposizione degli impianti di connessione.
reteDato che i laboratori didattici sempre più contengono dispositivi tecnologici è importante creare una rete efficiente e sicura per la trasmissione di dati e di corrente. Esistono diverse soluzioni disponibili sul mercato per risolvere i problemi di connettività. Nel caso in cui non servisse la connessione di rete via cavo, ad esempio in laboratori provvisti di Wi-Fi, è possibile realizzare facilmente un impianto a catena di trasmissione della corrente elettrica da montare sotto i ripiani dei tavoli usando prolunghe e multi prese. Per connessioni dall’alto esistono anche soluzioni a colonnine. Esistono anche soluzioni di scatole incassate a pavimento contenenti prese per la connessione. Il sistema, però, può risultare costoso se non è già predisposto nel sistema di impianti della scuola.

Materiali utili

 

 

Scarica tutte le schede in PDF

Costi e risorse
Tecnologia Costo medio in euro Principali fattori che determinano differenze di costo
Stampanti 3D amatoriali 500-1.500 Area di stampa, i tipi di materiali stampabili, la solidità dei componenti e il software di gestione
Scanner 3D amatoriale 300-1.000 Tipo di tecnologia adottata e dalla definizione di scansione
Laser-cutter semi professionale 3.000-6.000 Dimensioni e potenza del laser
Impianto d’aspirazione fumi per laser cutter 1.500-2.500
Vinil-cutter 200-1.000 Dimensioni, affidabilità e durata di vita delle lame
Temoformatrice amatoriale 500-1.000 Dimensioni, affidabilità e funzioni
Kit di robotica educativa 100-300 Produttore, complessità, qualità del software
Kit microcontrollori 50-150 Tipo e quantità di componenti, sistemi di collegamento tra componenti

Gallery

 

 

Link Utili