Letto: 13964 volte

Come progettare le aule aumentate

Schookit prodotto da: Miur

In un tweet: Organizzare aule aumentate dalla tecnologia per l'integrazione quotidiana del digitale nella didattica, coinvolgendo l'organizzazione di spazi, tempi(...)

schoolkit

Azione #4 – Ambienti per la didattica digitale integrata

29 aprile, 2016

Introduzione

A cura del MIUR

Destinatari: Docenti, DS, DSGA, Personale ATA, Studenti

Tipologia di scuola a cui è diretto: tutte le scuole di ogni ordine e grado

Descrizione. L’aula aumentata dalle tecnologie è un’aula configurata e attrezzata per lo svolgimento di attività , materie, aree disciplinari specifiche pensata per avviare una modifica nell’organizzazione didattica che preveda un uso del digitale per supportare l’apprendimento laboratoriale di specifiche discipline o gruppi di discipline. Le aule aumentate sono dedicate ad aree disciplinari o attività specifiche e gli studenti si spostano seguendo l’orario delle lezioni, utilizzando spazi comuni ( atrii e corridoi) per incontrarsi e lasciare le proprie cose. I docenti personalizzano lo spazio delle aule, adattandolo alle attività specifiche che vi si svolgono. Il setting si configura in modo flessibile, adattabile, riconfigurabile , centrato sul processo di apprendimento. Superato il modello di dotazione unica, bisogna considerare un ecosistema di dispositivi hardware e software che convivono tra loro per accompagnare ogni attività didattica, trasversale, specialistica, “ibrida”, aumentata tecnologicamente e coerente con le metodologie, l’età e i diversi bisogni degli studenti.

Network e partnership

  • Consiglio di classe e Collegio docenti collaborano nel loro specifico all’organizzazione delle attività nelle aule
  • Dirigente: Coordina la strutturazione e l’organizzazione degli spazi e dell’orario.
  • Docenti: Individuano i bisogni formativi e progettano  ambienti funzionali alle attività e discipline coinvolte. Pianificano le attrezzature da acquistare, individuando le specificità per ogni disciplina e / o attività interdisciplinare, coordinandosi con Animatore digitale, DSGA e supporto tecnico
  • Personale ATA: Collabora all’organizzazione e gestione degli ambienti e delle strumentazioni. Coadiuva docenti e studenti nei momenti di trasferimento; si occupa della gestione degli spazi comuni e degli  armadietti.
  • Animatore digitale, team per l’innovazione, DSGA e supporto tecnico collaborano per scegliere il tipo di le strumentazioni , il relativo piano finanziario, l’organizzazione e la gestione.

Come procedere

Gli spazi, i materiali e le tecnologie devono adattarsi agli utenti e non viceversa, dando vita ad aule  aumentate dalla tecnologia, in cui avviene la separazione del concetto di classe da quello di aula, la finalizzazione didattica delle strutture e degli strumenti e, al tempo stesso, la creazione di ambienti “non dedicati” ed informali.

1

STEP 1. Valuta necessità e risorse della tua scuola.  Il gruppo di progetto parte  da una riflessione attenta sulle necessità della scuola e sulle risorse umane e materiali presenti nell’Istituto. E’ importante coinvolgere un numero ampio di classi, con il contributo delle diverse componenti della comunità scolastica. Con un numero congruo di aule aumentate dalle tecnologie è possibile strutturare l’intera attività didattica in aule–laboratorio disciplinari. Le soluzioni saranno preferibilmente semplici e sostenibili, per poter durare a lungo. Nell’aula aumentata è ideale l’uso dei dispositivi personali (Bring Your Own Device) secondo l’azione #6 del PNSD. Attenzione all’obsolescenza delle apparecchiature e ai costi di manutenzione. È consigliabile scegliere materiali con un alto livello di affidabilità e che non richiedono frequenti interventi tecnici.

2

STEP 2.  Organizza l’aula aumentata.    La scuola procede a organizzare le aule in funzione delle attività che vi si svolgono e non del gruppo classe. Il gruppo di lavoro struttura gli spazi dotandoli di tecnologie e arredi funzionali alla disciplina e alle attività che vi si svolgono. Ogni aula deve comunque essere dotata di connessione a internet adeguata. L’utilizzo di pc, tablet di vari modelli, proiettore/ LIM all’interno delle classi può permettere di sviluppare  attività di gruppo e sfruttare le potenzialità di ogni componente. Importante è dotare le aule di strumenti oppure di servizi software  che permettono la memorizzazione e la condivisione  di contenuti sul computer collegato al proiettore o alla LIM.

  •  Le aule sono assegnate alle discipline / aree insegnate e vengono personalizzate da docenti che, insieme agli studenti, predispongono arredi, materiali, libri, device, software funzionali alla didattica che si svolge in quello spazio specifico.
  •  L’orario dei docenti e degli studenti è organizzato in base agli spazi da utilizzare. Vanno gestiti gli spostamenti degli studenti , calcolando la possibilità di movimento tra i vari spazi dell’edificio
  •  Il gruppo di lavoro  individua e organizza uno spazio dedicato agli studenti dove possano custodire le loro cose ( armadietti) , incontrarsi e anche lavorare in gruppo o individualmente. E’ importante che gli alunni siano responsabilizzati all’uso dello spazio e alla condivisione del progetto.

Lo spazio dell’edificio va ripensato e ristrutturato per ospitare un nuovo assetto della didattica con l’uso del colore, la pianificazione dei percorsi, l’organizzazione di spazi di apprendimento esterni all’aula tradizionale. Il gruppo di progetto, insieme a DS e Organi collegiali prepara un regolamento specifico da distribuire e diffondere in modo adeguato.

3

STEP 3. Diffondi e comunica. La ristrutturazione degli spazi di apprendimento va assorbita e fatta propria da tutte le componenti della comunità scolastica. Il gruppo di lavoro imposta una vera e propria campagna informativa rivolta all’interno per illustrare il progetto e il piano di attuazione, evidenziare le possibili criticità e predisporre i miglioramenti in maniera rapida ed efficace. Allo stesso tempo il processo va diffuso e pubblicizzato presso le famiglie e il territorio.

Materiali utili

Costi e risorse
  • Un esempio : il budget del Liceo Labriola
  • Impiego di tempo necessario a realizzare l’attività proposta : un anno scolastico dalla prima idea progettuale fino alla realizzazione del nuovo assetto nell’anno scolastico successivo

Gallery

 

 

Link Utili